I Met You: cosa succede quando una madre incontra nella realtà virtuale la figlia morta? di Davide Sisto

Il 6 febbraio 2020 l’emittente sudcoreana MBC ha trasmesso un documentario, intitolato I Met You, il quale mostra l’incontro – tramite Realtà Virtuale – tra una donna e la figlia, morta nel 2016 a sette anni a causa di un tumore. L’articolo esamina i pro e i contro di questa esperienza, senza cedere ai diffusi pregiudizi contro la realtà virtuale. Attendiamo le vostre considerazioni.

Fianco a fianco ai colleghi, di Silvia Tanzi

Riceviamo, e pubblichiamo, grati, la preziosa testimonianza di Silvia Tanzi, medico palliativista dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. “Lavoro insieme alla mia équipe dentro un ospedale, e in questi giorni aiuto i colleghi delle malattie infettive a fronteggiare la sofferenza della situazione legata al coronavirus.” Vi saremo riconoscenti se vorrete aggiungere altre riflessioni e testimonianze a quella di Silvia.

La morte al tempo del Coronavirus, di Marina Sozzi

Di fronte al Covid19, non solo abbiamo paura di ammalarci e di morire. E’ il “come” di queste morti che ci lascia attoniti. Morti che si consumano in ospedale, forse in terapia intensiva, in isolamento, velocemente, proprio con quei tubi che avevamo attribuito all’accanimento terapeutico e che non volevamo più, nei nostri fine vita.