A che punto siamo con la negazione della morte? Seconda puntata, Il lutto, di Marina Sozzi

Nel dolore, ciò che aiuta è la presenza fisica degli altri, i loro visi e sorrisi, il tempo dedicato, le emozioni, il contatto. Cosa ne pensate? Vi è capitato di sentirvi particolarmente soli dopo una perdita? Avreste desiderato maggiore vicinanza dai vostri familiari o amici? Utilizzate molto i social network per fare le condoglianze? E per parlare del vostro lutto?

La morte buddhista in Sri Lanka

La morte, nella dottrina buddhista, è prova dell’impermanenza degli esseri e della sua ineluttabilità. La saggezza consiste nel “lasciar andare” ciò che è sottoposto alla legge eterna del cambiamento. Credete che possiamo trarre spunti, noi occidentali, da questa prospettiva?