Storia di una tomba: repubblicanesimo e fecondità

A coloro che sono convinti che le religioni monoteiste siano diverse e più mature del paganesimo, voglio raccontare una storia scoperta in una visita al romantico cimitero di Père Lachaise, a Parigi. Forse molti di voi la conosceranno, perché è celebre, giustamente celebre. Si tratta della storia non di una persona, ma della sua tomba, quella del giovane giornalista Yvan Salmon, detto Victor Noir, morto a ventidue anni.
Victor, nel 1870, era stato inviato dal giornale “La Marseillaise” presso il cugino di Napoleone III. Aveva il compito di organizzare un duello tra quest’ultimo e il suo caporedattore, che riteneva di essere stato ingiuriato dal principe. Il povero messaggero fu ucciso da un colpo di pistola dell’impulsivo principe, e divenne per questo simbolo di repubblicanesimo. Il capo del governo, Emile Ollivier, fece arrestare Pierre Bonaparte ma, prudente, organizzò i funerali a Neuilly-sur-Seine. Inutilmente, perché Auguste Blanqui organizzò un corteo funebre imponente (100.000 persone) e una veemente protesta collettiva si levò per questo assassinio.
Durante la Terza Repubblica, il corpo di Noir fu spostato nel cimitero di Père Lachaise, e una statua bronzea a grandezza naturale raffigurante Victor morente fu commissionata allo scultore Jules Dalou. Ma non è per ragioni politiche che questa tomba è celebre.
Victor fu ucciso il giorno precedente il suo matrimonio. Dalou seguì il realismo anatomico diffuso nella sua epoca, e non mancò di scolpire una certa protuberanza nei pantaloni, all’altezza degli organi sessuali.
Sarà per la protuberanza, per la giovane età o per l’imminente matrimonio, o per tutti e tre i motivi, la leggenda dice che strofinando la protuberanza stessa, le labbra e i piedi della statua si possa guarire la sterilità, accrescere la fertilità o semplicemente avere maggiore fortuna in amore.
La pittura scrostata per i ripetuti sfregamenti, anno dopo anno, è oggi testimonianza dei ripetuti pellegrinaggi alla tomba. Ironia della storia: figlio dei lumi, eroe repubblicano suo malgrado, Victor è ancora oggi una sorta di rediviva divinità della fecondità.
Felice 2013 a tutti!

4 Risposte a " Storia di una tomba: repubblicanesimo e fecondità "

  1. Sandro scrive:

    Le parti intime,bocca,ecc. lucide sono bella testimonianza che ancora oggi Victor viene sfregato con vigore. Un po’ come l’oroscopo,non ci crede nessuno,pero’….viene letto da tutti( o quasi)! E siamo quasi nel 2013!

  2. Gulliver scrive:

    mi permetto di fare riferimento al libro di C. Augias: I segreti di Parigi, dove l’ autore con il suo stile accattivante racconta in dettaglio la storia di Noir.
    Indubbiamente una storia incredibile con un fascino…infinito

Rispondi a Sandro Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*