Ripartire dal dolore. L’esperienza di Luke, un americano a Roma, di Di Luke Lombardo, traduzione di Claudio Cravero

Può la perdita del proprio amato trasformarsi in una forma di rinascita? A prescindere dal credo religioso, dal tipo di unione, matrimonio o coppia di fatto (ancora da normare in molti comuni italiani), che cosa significa perdere la propria dolce metà?Un incontro inaspettato con Luke, uno straniero di mezza età in visita a Torino di recente, continua a echeggiare con le sue parole: Riavviare, ripristinare e resettare. La lista degli input potrebbe proseguire, ma per Luke l’elenco si ferma a Rinascimento. Luke ha deciso di trasferirsi e reiniziare la sua vita proprio in Italia, culla della rinascita umanistica. Il blog Si può dire morte diventa un’occasione per osservare il tema della morte tenendo in considerazione il melting-pot culturale, ossia la cultura di provenienza o di adozione; il dolore della separazione dal punto di vista di una coppia omosessuale attraverso le parole di ‘Un americano a Roma’. Dopo 23 anni trascorsi con Darin, il marito di Luke morto a causa di un tumore nel 2018, Luke ha deciso di riscrivere la storia della sua vita. Si tratta di un passaggio, che dal biologico (la morte del corpo) diventa biografico. Il suo viaggio è iniziato con un biglietto di sola andata Los Angeles-Roma ed é in-progress nel suo blog The Spaghetti Diaries (Claudio Cravero)

La mia storia di perdita non è unica rispetto al lutto di chiunque altro perda una persona cara. Ciò che potrei considerare unico é l’insieme delle scelte che sto facendo non solo per affrontare il dolore, ma per dare una risposta alla domanda esistenziale che, dalla notte dei tempi, l’essere umano si pone costantemente: “Dove sto andando?”.

Quando subiamo una perdita traumatica, tra queste la morte del proprio compagno, credo sorga spontaneo interrogarsi sul senso di quanto successo e cercarne un significato. Qual è stata la ragione della fine? Che cosa tutto questo ha a che fare con me? Che cosa la morte mi insegna e quale lezione posso imparare da qui in poi?

Dopo la morte di mio marito nel 2018, la mia passione per i viaggi, il desiderio di conoscere culture e persone diverse, unite al mio amore per l’Italia, nonché paese di mio nonno, sono stati di conforto per aiutarmi a scoprire ciò che la vita aveva in serbo per me. La vita di un essere umano non può fermarsi all’esperienza biologica della morte del proprio amato, per quanto lacerante questa possa essere. Credo che il mondo non sia che un piccolo punto, a prescindere dalle dimensione esplorabile del nostro pianeta, rispetto alla grandezza della vita stessa. Adesso più di prima, quindi, la sperimentazione del viaggio e la mia destinazione.

Inizialmente, ho anch’io opposto resistenza ad una possibile fase di rinascita biografica. Per resistenza, intendo il desiderio di non voler cambiare nulla e lasciare tutto esattamente com’era prima che mio marito morisse. Questo avrebbe significato tentare di replicare una vita di fatto non replicabile. La mia resistenza, quindi, era nei confronti di una vita vista in prospettiva. L’aspetto retrospettivo della resistenza, al contrario, mi permetteva solo di stare nel dolore per averne un’esperienza profonda. Ma questo atteggiamento non mi aiutava a uscirne, a guarire. Ho ritrovato questa attitudine più e più volte anche mentre frequentavo gruppi cosiddetti ‘del dolore’. Il mio centro a Palm Desert, in California,  è stato il primo luogo nel quale ho iniziato a dare una forma collettiva e diversa al dolore. Sebbene abbia trovato conforto nel raccontare la mia storia personale e il mio rapporto con la morte, ho visto molte altre persone del centro stagnare e opporre resistenza al cambiamento di prospettiva: non riuscivano a vedere la loro perdita da un’altra angolazione.

Ho ascoltato storie di persone che combattevano da anni contro il proprio dolore, e cercavano continuamente di riconnettersi con quel punto nel quale la morte le aveva separate dai loro cari. Non credo che il tempo guarisca le ferite, come comunemente si è soliti rincuorarci. Il dolore non diminuisce nel corso del tempo. Quello che cambia è l’atteggiamento rispetto alle possibilità di una vita più ampia, proprio lì, al di là del dolore. Il dolore è una forma di crescita per permettere alla vita di chi resta di espandersi. In un certo senso, la nostra biografia si amplifica proporzionalmente allo spazio che decidiamo di dare alla vita stessa, sperimentando così una trasformazione del dolore in qualcosa di più grande e inaspettato. Ho così compreso che l’espansione della mia biografia fosse l’unica opzione per vivere una vita ‘con’ e non ‘senza’.

Con la morte di Darin ho deciso di salutare 30 anni incredibili e colmi di ricordi in California, donando e vendendo quanto possedevo. Al tempo stesso, ho espresso quanta gratitudine possibile rispetto a quanto ricevuto sino ad allora e sono ripartito dalla mia esperienza per creare un nuovo e più profondo valore per la mia stessa esistenza. In questa direzione, il cambiamento ha corrisposto alla mia comprensione, fisica, emotiva ed intellettuale, di una vita da vivere in modo più autentico e profondo, volta alla creazione di valore – ovunque mi trovi.

Essendo italo-americano, sebbene cresciuto negli Stati Uniti, le mie esperienze familiari mi facevano pensare che dopo la morte del proprio coniuge si dovesse convivere con il lutto per il resto della vita, definendo un prima (con) e un dopo (senza); due tempi precisi ma in ogni caso riempiti e definiti dalla perdita. Nonostante i cambiamenti culturali in corso, mi sono scontrato con abitudini sociali alle quali non avevo mai prestato attenzione prima. Ad esempio, non mi ero mai accorto di quanto siamo propensi a catalogare e classificare il nostro status con etichette. Dopo la morte di Darin, mi sentivo continuamente chiamare ‘vedovo’.  Confesso che, a 47 anni, ho rifiutato questa definizione, poiché sarebbe rimasta tale a meno che non mi fossi risposato. È vero, di fatto sono vedovo, ma questa classificazione mi rimanda sempre e solo alla situazione dell’“assenza” di mio marito.

Inoltre, in una relazione gay, credo che l’etichetta ‘vedovo’ porti con sé ulteriori complicazioni ancora da sciogliere. Sebbene i diritti delle coppie omosessuali siano avanzati in modo significativo nell’ultimo decennio, solo ora si inizia a sentire parlare di ‘vedovi’o ‘vedove’ tra le coppie dello stesso sesso. A livello socio-culturale, anche questo aspetto diventerà inevitabilmente sempre più comune e mi auguro che presto sia affrontato anche a livello politico e civile. Infatti, mi sento ancora chiedere come sia morto il mio ‘amico’.

La perdita di un amico è una cosa, la perdita del tuo compagno o della tua compagna é ben altra. Quindi rispondo in genere che “ho perso il compagno di una vita, non ho perso un amico”. Mi sembra ci sia ancora molta confusione in questo senso. Il diritto al lutto del proprio amato è lo stesso a prescindere dalla sessualità dei partner.

Durante questo processo iniziato con la morte di Darin, ho trovato che la scrittura sia a pieno titolo una forma di terapia. Ora capisco perché gli scrittori scrivono, quasi come mossi da un’urgenza comunicativa. Anche se non so ancora dove il mio blog The Spaghetti Diaries mi porterà nei prossimi mesi, vorrei che le persone che leggono i miei post capissero l’importanza delle scelte che facciamo per la nostra vita, indipendentemente dalle circostanze. La mortalità, si sa, é un aspetto della vita, ma la morte del tuo amato non è la morte di te. È, anzi, lo stimolo per ripartire e continuare a cercare il proprio scopo, il più grande possibile.

 

13 Risposte a " Ripartire dal dolore. L’esperienza di Luke, un americano a Roma, di Di Luke Lombardo, traduzione di Claudio Cravero "

  1. Serena scrive:

    GRAZIE di avercelo – fatto conoscere!- seguirò con Piacere i suoi post e soprattutto, la sua evoluzione/rinascita!

    • Luke Lombardo scrive:

      Serena, grazie per la tua nota e per il tuo supporto. Spero che il mio articolo ti sia piaciuto. Il mio viaggio continua, così come la mia rinascita. Grazie per aver seguito “The Spaghetti Diaries”.

  2. gioia bassi scrive:

    Grazie per aver letto frasi così significative.. anch’io seguirò i post,,,,

    • Luke Lombardo scrive:

      Gioia,

      Sono felice che le mie parole abbiano un significato per te, e possano aiutare qualcunaltro. Grazie per aver seguito “The Spaghetti Diaries”.

  3. Nadia scrive:

    “La morte dell’amato non è la tua morte” ma certamente una parte di noi si è spenta per sempre.

    • Luke scrive:

      Nadia,

      Credo che tu dica la verità. La perdita è sicuramente permanente, ma c’è l’opportunità di creare una vita più grande per trasformarsi in qualcuno che impara e cresce con la perdita. Dobbiamo continuare a crescere sempre.

  4. Enrico scrive:

    Credo che la perdita di una persona cara, sia come solo affetto o nella forma estrema della sua vita, inneschi in noi un trauma difficile da superare . Solo il buon ricordo che continua affiorare nel nostro intimo può ,anche se in parte, alleviare il dolore : le cicatrici comunque rimarranno per sempre Ci consola il pensiero di avere condiviso e vissuto parte del nostro tempo con lui o lei !!!

  5. Luke scrive:

    Enrico,

    Grazie per il tuo commento perspicace. I primi nove mesi che sentii, furono solo trauma e afflizione dell’anima. I miei ricordi erano pieni delle parti peggiori dell’esperienza clinica di mio marito. Fu solo dopo che la mia anima cominciò a guarire, e l’apprezzamento riempì lo spazio vuoto. Una volta iniziato, sapevo che dovevo espandere la mia vita per permettere alla gratitudine di entrare e finalmente dopo un anno, posso avere di nuovo momenti di gioia. Auguro anche a te gioia nella tua vita.

  6. Stefano scrive:

    nella perdita, nel lutto, a volte accade una cosa molto particolare: una mattina ti svegli, e qualcosa ti ha ribaltato la prospettiva. fino a quel momento, disperato, hai pensato “perché te ne sei andato!?”. quel pensiero diventa “grazie, che fortuna che ci sei stato..”
    forse non succede tutte le volte che perdiamo una persona cara, ma lo auguro a tutti coloro a cui è morto qualcuno di importante.
    buona seconda vita, luke, e grazie
    stefano

    • Luke scrive:

      Stefano,
      Grazie per la vostra nota. Hai ragione, ci vuole un cambio di prospettiva dalla tristezza alla gratitudine. Ciò non accade a tutti, né i tempi sono gli stessi. Ogni persona scrive il proprio libro delle lezioni per il dolore.

  7. Loretta Panseri scrive:

    Ciao Luke,
    Grazie del tuo messaggio molto confortante. Da quando mio marito non c’è più io posso dire di vivere una seconda vita, di aver conosciuto tantissima gente ed essermi aperta ad un’infinità di cose. Non posso dire di non pensare a lui tutti i giorni anche se sono passati 7 anni , il mio pensiero giornaliero va a lui. In me è sempre vivo il suo ricordo e tutto quello che circonda il mio vissuto con lui. La sua morte ha generato la mia vita e il mio essere e ne sono felice. Io attualmente sono serena, dedico il mio affetto ad una cagnona che sta con me da quasi due anni , salvata dal canile e sono ricompensata dalle sue attenzioni. Mi sono dedicata al volontariato che mi ha aperto un mondo nuovo. Si, la scrittura è terapeutica. Non importa come scrivi ,ma scrivi, aiuta a liberarti……Noi eravamo una coppia etero ma anch’io odio come te essere chiamata vedova mi sembra di avere un’etichetta…..
    Un caro saluto e grazie per l’opportunità che mi hai dato di scrivere.
    Loretta

  8. Gisella scrive:

    ciao Luke,
    anche io ho perso il mio compagno da poco, anche lui portato via dal cancro.
    Ogni giorno rivivo i suoi, i nostri, ultimi giorni. Quando ci siamo innamorati era già malato ed io ho sempre pensato che il destino me lo avesse fatto incontrare per un motivo preciso, che ancora non ho ben chiaro però.
    So solo che mi manca moltissimo e che lo vorrei ancora qui con me.
    Spero che quella gioia di vivere che sembra tu abbia ritrovato sia un naturale destino che attende anche me, prima o poi.
    Il tempo non lenirà mai il dolore che ho dentro ma forse almeno imparerò a conviverci meglio, trovando uno sbocco che mi faccia rivivere la mia vita.
    Buone cose, e grazie perchè per un momento mi sono sentita meno sola…

  9. Maria scrive:

    Io ho perso di recente mia madre, non un compagno di vita ma comunque una vita assieme – una lunga fase di accudimento e malattia di lei sempre più dipendente eppure sempre più aggrappata alla vita e agli affetti, con un vigore ed una speranza che hanno reso l’addio ancora più doloroso e struggente. La mia famiglia era diventata lei, probabilmente tanta concentrazione è stata uno sbaglio ma spesso quando il presente è pieno di cose da pensare, fare e battaglie da combattere il vuoto che attende “dopo” non riesce a sembrare reale e assassino come poi è.
    L’attitudine vitale e positiva di Luke mi piace moltissimo pur apparendomi in questo momento lontanissima.
    Comprendo cosa dice e lo condivido (razionalmente: ma non basta).
    Tuttavia credo che conti molto come si arrivi al lutto, spesso si commette inconsapevolmente l’errore di arrivarci svuotati e isolati dal mondo “normale” che preferisce non avere nulla a che fare proprio con malattia , limitazioni e dolore specialmente se durano a lungo… Poi irrompe la morte e riannodare le fila si può rivelare molto arduo fra il proprio dolore e la distanza accumulata con gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*